• degan.asia
    04/10/2022 at 09:34

    Ferrata percorsa il 14/08/21. Percorsa dal Bivacco De Toni al Rifugio Carducci, quindi in discesa. Ad esclusione di un tratto attrezzato con corda da arrampicata particolarmente difficile in discesa per via di materiale detritico fine poco stabile, tutto il resto è ben attrezzato. La ferrata presenta alcuni passaggi ostici che necessitano di forza sulle braccia, piede fermo e esperienza.
    Dopo la ferrata abbiamo proseguito per il Rif. Carducci, F.lla Girlaba e Cima Monte Popera (rientro per Val Giralba). d+ 2400. km 31.5

    How much did you like the Via Ferrata:

    How much did you like the trip:

    Difficulty of the via ferrata:

    Physical commitment of the trip:

  • sefranzo
    04/09/2022 at 18:31

    Fatta il 4 settembre 22, giro molto bello ma impegnativo, sia fisicamente, sia per l’attenzione da porre durante il percorso. Come già scritto nei precedenti commenti, la relazione e la traccia qui riportati non sono corretti perché una parte del vecchio tracciato è stata chiusa, ed è stato steso del cavo nuovo che passa però più in alto rispetto al vecchio tracciato. L’inizio della ferrata è ben visibile sulla destra una volta arrivati alla forcella Maria, poco dopo il rifugio Carducci. I punti critici nel percorso sono tre: il primo è dove c’è stata la frana, alla fine della ferrata. Lì ci sono tre corde, due per accompagnare l’attraversamento della frana, una terza, preparata con delle staffe, per facilitare la salita su una placchetta di due metri e mezzo, tre. Io ho preferito arrampicare e la difficoltà a mio avviso è di grado III+. Secondo punto critico è subito dopo la forcella dell’Agnel. Lì bisogna stare attenti a seguire la traccia che va verso destra, sotto la montagna e non scende più di tanto. La ghiaia in quel punto è infida. Terzo problema è sul nevaio, ad oggi non c’è più neve, ma il passaggio sulla ghiaia è complicato e bisogna stare molto attenti a scorgere i bollini rossi. Infatti ad un certo momento bisogna attraversare a sinistra il piccolo canalone. Anche qui pochi segni e ghiaia infida. Il giro comunque merita alla grandissima.

    How much did you like the Via Ferrata:

    How much did you like the trip:

    Difficulty of the via ferrata:

    Physical commitment of the trip:

  • Elettra De Biasi
    26/08/2019 at 11:26

    Ferrata crossed on 08/24/19 as part of the Croda ring of tones with departure and return to the Carducci Hut (Carducci -> Maria saddle -> Agnel saddle -> Croda saddle of the tones -> Carducci)
    In correspondence with the collapse of the Witzenmann tower, a new section of via ferrata has been aided which rises vertically on the rock more solid to the right of the canal, to avoid crossing the base of the landslide. Only in the last part of the landslide remains a climbing rope (positioned I think of the shelter manager) that allows you to go up the last stretch of the collapsed canal. The new variant is certainly more vertical than the previous sections and, in my opinion, makes Severino Casara a real via ferrata and no longer an aided path.
    Please note that after the saddle of the Agnel, before reaching the Croda saddle, you come across a snowfield that will have different dimensions depending on the season. This year the snowfield was not aided with ropes and we had to cross it slightly uphill. Once out of the snowfield there is still a short stretch aided with a via ferrata rope + 1 nail to overcome a rocky jump of a couple of meters. Obviously, depending on the conditions of the snowfield it will come out at different heights compared to the aided partition wall.
    Overall I would say that the old via ferrata does not present technical difficulties, the Witzenmann variant is in our opinion of medium difficulty (medium difficult / PD). Be careful when crossing the canal and on long exposed sections not aided before and after the Agnel saddle.
    However, the whole tour requires experience for the harsh environment in which it takes place and the terrain is often unstable, especially at the saddle of the Agnel, but it is still spectacular!

    How much did you like the Via Ferrata:

    How much did you like the trip:

    Difficulty of the via ferrata:

    Physical commitment of the trip:

  • Filippo Rosi
    10/04/2019 at 22:03

    The context in which the route is developed is magnificent and, although it never presents significant technical difficulties, I found it challenging also because of the length of the trip!

    How much did you like the Via Ferrata:

    How much did you like the trip:

    Difficulty of the via ferrata:

    Physical commitment of the trip:

Add a review
Sponsors
Sponsors