Ferrata Balze del Malpasso

Pizzo di Castelpizigolo

    Complessità dell'Escursione
    • Difficoltà tecniche
      2/5
    • Difficoltà ambientali:
      1/5
    • Esposizione:
      2/5
    • Impegno fisico:
      1/5
    Dettagli della Ferrata
    Relazione Video
    Relazione Via Ferrata

    Generale:

    La ferrata delle Balze del Malpasso è un itinerario facile che si sviluppa su una parete che costeggia il fiume Dolo nelle colline reggiane. La parete si trova in una zona paesaggisticamente interessante tra colline calcaree, ponti tibetani e cascate. La ferrata è a bassa quota e quindi sconsigliabile nel periodo estivo.

     

    Punto di partenza:

    Per intraprendere l'escursione è necessario arrivare alla borgata di Castagnola nel comune di Toano in provincia di Reggio Emilia. L'abitato è poco distante dalla frazione di Quara. Si consiglia di parcheggiare nel piccolo parcheggio affianco alla cappella o a fianco della strada che conduce alla frazione.

    Indicazioni per Google Maps disponibili qui.

     

    Avvicinamento:

    L'obiettivo è arrivare a Castel Pizzigolo. Dalla cappella si scende per la sterrata seguendo il sentiero CAI 613. Al bivio si segue il 613 Bis per Castel Pizzigolo raggiungendo in pochi minuti le fonti del Quara. Dopo poco si raggiunge un'area pic-nic e girando a destra si discende fino a vedere il primo ponte tibetano della ferrata. Attenzione al terreno scivoloso che precede il ponte (30' dall'auto).

     

    Ferrata:

    Il ponte è lungo circa 50 metri con assi di legno. Terminato il ponte si sale su un parete obliqua attrezzata con gradini e si giunge a una parete in cui discendere circa 8 metri. Dopo la discesa si trova un bivio con due alternative.

    A destra si sale in direzione delle zip line. Entrambe le zip line presenti richiedono assolutamente l'utilizzo di una carrucola ad elevato rendimento (es: PETZL Tandem Speed) rispetto a carrucole comuni (es: PETZL Tandem Cable) con cui è praticamente sicuro di rimanere bloccati a metà del cavo. Con la carrucola si passa il canyon prima in una direzione e poi si fa ritorno pochi metri sotto la piattaforma di partenza.

    A sinistra del bivio prosegue l'itinerario principale e si scende per ripido sentiero verso il secondo ponte tibetano. Attraversato il ponte tibetano - più corto del precedente - si prosegue verso destra su una comoda cengia fino a raggiungere un breve tratto verticale leggermente strapiombante in cui le maniglie e attrezzature di fatto annullano le difficoltà. Terminato questo tratto si prosegue verso sinistra su un'altra cengia e si giunge a un bivio: il percorso facile prosegue sulla cengia, il percorso per esperti riparte verso destra proseguendo su pioli.

    Il percorso facile prosegue sulla cengia per poi salire una facile parete inclinata ottimamente attrezzata con staffe e giungere al termine in poco più di 5 minuti dal bivio.

    Il percorso per esperti parte seguendo una serie di pioli per i piedi e affronta una parete verticale di 15 metri in cui c'è il passaggio chiave della via: nonostante l'abbondanza di pioli e staffe la parete è particolarmente lisca e in un passaggio richiede forza di braccia e tenuta atletica. Superato questo passaggio in pochi metri si giunge al termine della ferrata (30' dall'attacco).

     

    Discesa:

    Dal termine della ferrata si giunge in breve all'area pic-nic incontrata all'andata e dopo a ritroso per il sentiero effettuato all'andata fino a raggiungere la macchina (30' dal termine della ferrata).

     

    Note:

    La roccia risulta particolarmente sdrucciolevole - specie nelle cenge - quindi è particolarmente importante l'utilizzo del caschetto per evitare problemi in caso di caduta sassi. Dopo il primo ponte tibetano è possibile discendere un sentiero fino a giungere al fiume Dolo. Non è raro nell'estate incontrare escursionisti che fanno il bagno nelle fresche acque del fiume.

     

    Opportunità:

    Non ci sono ferrate collegabili nello stesso itinerario senza ritornare all'automobile. Tuttavia ci sono ferrate raggiungibili con l'auto percorribili nello stesso giorno:

    Le altre ferrate nella provincia di Reggio Emilia (Sentiero Attrezzato del Gendarme e Ferrata del Monte Alto) sono incluse all'interno di itinerari lunghi che si prestano a escursioni di una giornata intera.

    • Alessandro Iotti
      19/08/2018 alle 15:44
      2 /5

      La ferrata delle Balze è una ferrata facile. La sola variante difficile presenta una passaggio atletico che richiede un minimo di dimestichezza e forza. La restante parte della ferrata, così come la variante normale, è adatta a principianti e bimbi. I due ponti son stabili (il primo è tuttavia bello lungo). Non abbiamo provato la zip line. Attenzione alla roccia che si sgretola e potrebbe cadere su chi è sotto.

      Quanto ti è piaciuta la ferrata:

      starsstarsstarsstarsstars

      Quanto ti è piaciuta l'escursione:

      starsstarsstarsstarsstars

      Difficoltà della ferrata:

      starsstarsstarsstarsstars

      Impegno fisico dell'escursione:

      starsstarsstarsstarsstars

    chat
    Lascia una recensione
    Galleria Immagini
    Immagini Ferrata Balze del Malpasso. Le immagini inserite in relazione ci sono state inviate dagli utenti del sito. Se sei interessato a inviarci foto, utilizza il modulo a fianco oppure inviale nella nostra pagina Facebook.
    Inviaci una foto

    Hai percorso questo itinerario? Ci farebbe piacere inserire le tue foto. Inviacele e indicaci a quali tratti della ferrata corrispondono così le inseriamo nella relazione e nella sezione foto. Se desideri inviarci molte foto, ti consigliamo di utilizzare la nostra pagina Facebook.

    Inviando la foto accetto i termini e le condizioni

    Meteo
    Meteo Ferrata Balze del Malpasso in località Quara (Reggio Emilia).

    Quara (Reggio Emilia) meteo
    Webcam nelle zone adiacenti
    Webcam Ferrata Balze del Malpasso in località Toano - Quara.

    Webcam a Toano - Quara
    keyboard_arrow_up