Complessità dell'Escursione
  • Difficoltà tecniche
    3/5
  • Difficoltà ambientali:
    2/5
  • Esposizione:
    3/5
  • Impegno fisico:
    3/5
Dettagli della Ferrata
Relazione Video
Caratteristiche Ferrata
Resta aggiornato
Relazione Via Ferrata

Generale:

Relazione della Ferrata Guzzella al Monte Grappa. La Ferrata parte dalla Val San Liberale e, dopo un faticoso avvicinamento, sale i costoni delle pendici sud del Grappa. Itinerario facile nella prima sezione e difficile nella seconda con un paio di passaggi atletici. Attenzione alla bassa quota che in estate può rendere estenuante la salita.

 

Località di partenza:

Il punto di partenza dell'itinerario è la Val San Liberale presso l'omonimo ristorante, raggiungibile da Crespano del Grappa in provincia di Treviso. Guidando lungo la Strada Provinciale 26 che collega Romano d'Ezzelino con la valle del Piave, quando si raggiunge Crespano del Grappa si seguono le indicazioni verso nord per la Val San Liberale. Si segue tutta la strada asfaltata fino all'ampio parcheggio nei pressi del ristorante. Indicazioni per Google Maps disponibili qui.

 

Avvicinamento:

Dal parcheggio (600 m) saliamo seguendo una stradina asfaltata fino a un primo bivio dove sono presenti le indicazioni a sinistra per la Ferrata Guzzella mentre a destra si sale in direzione della Ferrata Sass Brusai. Teniamo la sinistra al bivio. Seguiamo la forestale fino a incontrare in breve un secondo bivio (680 m - 15' dal parcheggio) dove prendiamo a destra il sentiero in ripida salita nel bosco. Il sentiero è ripido e faticoso e ci porta ad incrociare il sentiero CAI 102 (1000 m - 45' dal bivio - 1h dal parcheggio). Seguiamo il cartello verso nord con chiare indicazioni per la ferrata. Il sentiero sale ripidamente fino all'attacco della Ferrata Guzzella (1170 m - 30' bivio col 102 - 1h 30' dal parcheggio).

 

Ferrata:

Parte del percorso che andremo a salire con la Ferrata Guzzella è già visibile dall'attacco. Saliremo un costone della cresta che scende dal Monte Grappa. La prima sezione della via inizia su una parete appoggiata molto appigliata che permette di salire senza utilizzare il cavo se non come autoassicurazione. La roccia è buona e frastagliata offrendo ottimi appoggi per mani e piedi. Saliamo questa sezione senza difficoltà sostanziali e raggiungiamo un tratto pianeggiante. Percorriamo una breve cengia e saliamo su alcuni balzi per terminare la prima sezione della via.

Percorriamo un tratto di sentiero di collegamento su erba fino a incontrare nuovamente le attrezzature. Questa parte è caratterizzata da balzi e roccette che saliamo senza particolare difficoltà intervallati da passaggi su sentiero. Proseguiamo ora su un tratto di collegamento su sentiero erboso e di cresta abbastanza ampia. Raggiungiamo alcuni balzi attrezzati e proseguiamo sul sentiero. Raggiungiamo due facili traversi attrezzati diagonali dove la roccia è ben appigliata e saliamo in diagonale verso sinistra. Saliamo un canalino roccioso ben gradonato raggiungendo una bella parete verticale. Saliamo il primo balzo e poi si può proseguire lungo la parete in piacevole arrampicata sfruttando i molti appigli presenti e le successive staffe presenti lungo la parete.

Usciti dalla parete saliamo su un nuovo tratto di sentiero che ci porta in cresta. Incontriamo nuovamente le attrezzatura metalliche con le quali risaliamo alcuni balzi rocciosi fino a un balcone panoramico dove è presente una via di fuga che a destra si stacca e ci congiunge con la strada provinciale dalla quale è possibile scendere al parcheggio oppure salire al Grappa evitando la seconda, più impegnativa, sezione della via ferrata.

La seconda sezione è da considerarsi difficile. Il primo passaggio mostra subito un carattere diverso ai vari passaggi molto arrampicabili che hanno caratterizzato la prima sezione. Saliamo in verticale e poi verso sinistra per un impegnativo traverso su placca piuttosto levigata col quale aggiriamo uno spigolo. Il passaggio è atletico ed è consigliato superarlo senza indugiare eccessivamente perchè strapiombante e si rischia di affaticare le braccia. In particolare l'aggiramento dello spigolo richiede un buon mix di agilità e forza. Aggirato lo spigolo proseguiamo su un tratto di sentiero attrezzato dove saliamo alcuni balzi privi di difficoltà.

Raggiungiamo quindi il secondo passaggio difficile della via. Ci troviamo sotto una bella parete di una ventina di metri dove iniziamo su un traverso diagonale verso sinistra per raggiungere una staffa e quindi salire in verticale. Pieghiamo quindi a sinistra andando a intercettare altre staffe per completare la salita e uscire sulla parte superiore della parete decisamente più arrampicabile dei primi metri. Proseguiamo il tratto attrezzato verticale raggiungendo una placca con buoni appigli. Siamo nel tratto conclusivo della via attrezzata. Seguiamo il sentiero affrontando alcuni facili balzi rocciosi e tratti attrezzati dove il fondo è più insidioso raggiungendo la cima del Napon dove terminano le attrezzature non prima di esserci girati per vedere l'itinerario percorso in salita (1550 m - 1h 30' dall'attacco - 2h 45' totali).

 

Discesa:

La via di discesa più rapida è di intercettare poco dopo il termine delle attrezzature il sentiero che a destra riporta a San Liberale. Proseguendo in direzione della cima del Grappa seguiamo il sentiero che ci conduce alla zona sacra della Prima Guerra Mondiale dove è presente il grande Sacrario del Monte Grappa. Consigliamo vivamente una visita a questo monumento (30' dal termine della ferrata).

Il rientro avviene poi dal Rifugio Bassano seguendo i segnavia 151 che riportano a San Liberale passando da Pian di Bala. Si resta sul ripido ma segnato sentiero 151 scendendo fino al bivio incontrando all'andata nei pressi del parcheggio (2h dal Monte Grappa - 2h 30' dal termine della ferrata - - 5h 30' totali).

 

Note:

La Ferrata Guzzella è divisibile in due sezioni ben distinte tra loro. La prima sezione è molto arrampicabile e non presenta difficoltà tecniche. La seconda presenta due passaggi impegnativi, di cui il primo traverso difficile anche fisicamente. L'avvicinamento è ripido e faticoso. La bassa quota sconsiglia questo itinerario nei mesi più caldi dell'anno.

 

Opportunità:

La Ferrata Guzzella condivide con la vicina Ferrata Sass Brusai il punto di partenza. Per escursionisti esperti è possibile abbinare le due ferrate percorrendone una in discesa. In questo caso consiglieremmo la Guzzella prestando molta attenzione ai due passaggi difficili iniziali (in discesa). Possibile eventualmente percorrere la strada asfaltata fino alla via di fuga e completare la discesa lungo la prima sezione della Guzzella.

Se si volessero percorrere altri itinerari attrezzati in zona si può raggiungere rapidamente la breve Ferrata Santa Felicità oppure dirigersi verso il più lungo itinerario attrezzato del Sentiero degli Eroi.

Sempre in provincia di Vicenza è possibile andare verso le Piccole Dolomiti dove sono presenti molti itinerari attrezzati di diversa tipologia. La Ferrata del Vajo Scuro, la Ferrata Biasin o il Sentiero Attrezzato Pojesi vicino il Carega. Sul versante sud delle Piccole Dolomiti incontriamo le piacevoli Ferrate Viali e Ezio Ferrari.

mood_bad
  • Non ci sono ancora commenti
  • chat
    Lascia una recensione
    Galleria Immagini
    Immagini Ferrata Guzzella. Le immagini inserite in relazione ci sono state inviate dagli utenti del sito. Se sei interessato a inviarci foto, utilizza il modulo a fianco oppure inviale nella nostra pagina Facebook.
    Inviaci una foto

    Hai percorso questo itinerario? Ci farebbe piacere inserire le tue foto. Inviacele e indicaci a quali tratti della ferrata corrispondono così le inseriamo nella relazione e nella sezione foto. Se desideri inviarci molte foto, ti consigliamo di utilizzare la nostra pagina Facebook.

    Inviando la foto accetto i termini e le condizioni

    Meteo
    Meteo Ferrata Guzzella in località San Liberale e San Vitale (Treviso).

    San Liberale e San Vitale (Treviso) meteo
    Webcam nelle zone adiacenti
    Webcam Ferrata Guzzella in località Casone di Coston - Cima Grappa.

    Webcam a Casone di Coston - Cima Grappa