• cammo75
    19/10/2021 alle 21:42

    Percorsa sabato 16/10/21 con giornata perfetta sole e temperature ideali. Personalmente dividerei la ferrata in 3 sezioni, la prima piuttosto insignificante con prolungate disarrampicate che obbligano a costante trazione del cavo e una lunga cengia molto esposta che, anch’essa, richiede una continua trazione del cavo, piuttosto stancante per le braccia; come seconda sezione battezzerei la conca dove si sviluppano i passaggi sui due ponti sospesi e il pendolo, trovo che questo punto sia una sorta di parco giochi, di positivo c’è decisamente il panorama in quanto da qui la vista si spinge fino alla parte più a nord del lago di Garda. Passato questo punto si passa, sempre a mio avviso, alla terza sezione rappresentata dalla variante difficile che conduce al “trono dell’Aquila “ dove si gode di un panorama veramente meritevole. Nello specifico della ferrata penso che, se non si percorre la variante difficile, sia piuttosto insignificante e stancante per le braccia, mentre completandola con l’ultima sezione si riveli più emozionante e meritevole di essere percorsa.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • christian.manzini
    19/09/2021 alle 19:18

    Veramente bella e con panorami stupendi! Belle le varianti difficili.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • lorenzo.lama6
    19/09/2021 alle 15:39

    Ferrata molto scenografica, tecnicamente non difficile, caratterizzata da alcuni passaggi esposti lungo il traversone iniziale e lungo le due varianti estreme. Consigliata!

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Achille Barbarisi
    02/10/2020 alle 16:37

    Sarò forse un neofita, ma a me è piaciuta molto. Attenzione agli orari di chiusura degli impianti di risalita/discesa, c’e’ da considerare più di una buona mezz’oretta come percorso (in salita) per raggiungere la seggiovia …

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • daniel grassi
    13/09/2020 alle 18:26

    L’ho fatta nel 2018, panorama super, molto esposto il secondo tratto.
    Molti traversi, tutto di braccia, molta discesa.
    Ponti adrenalinici.
    Ultimo tratto uscito dallo spigolo del vento.
    La parete terminale è poco ricca di appigli, molte braccia anche qui.
    Troppa gente già alle 9 di mattina.
    Attrezzatura top.
    A mio avviso non è per principianti.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Michele Grisafi
    22/07/2020 alle 23:49

    Ferrata che si salva solo se si percorre la bellissima variante con le scale ad elica. La difficoltà nel resto è abbastanza ridotta sebbene dia grande fastidio la partenza in discesa… parti e continua in discesa per 25 minuti buoni in grande scomodità.
    I ponti sono molto belli.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Andrea De Togni
    30/06/2020 alle 17:51

    Percorsa il 26/6/20.

    Premetto che io non faccio mai ferrate ED molto atletiche (ho poca forza di braccia) e che gradisco quelle “arrampicabili”. Però volevo fare i ponti, volevo vedere quelle famose scale elicoidali e mio cugino abita in zona…
    Vi scrivo come l’ho vissuta io, considerazioni ovviamente personali.
    La ferrata è infida e capisco perchè ogni tanto qualcuno ci rimane appeso o deve essere recuperato. È infida perché l’avvio è in discesa, sembra poco esposta e facile. Per i primi 20 minuti è così, è poco più di un sentiero attrezzato.

    Poi ad un certo punto comincia una sequenza interminabile di cenge tendenzialmente a sbalzo, dove le braccia lavorano molto. Sempre costantemente esposti. Quando non sono cenge sono discese molto verticali e molto esposte, da disarrampicare quindi non difficili (a volte con staffe ma non moltissime). Ed è tutta così fino quasi alla fine, 80% traversi, 20% discese. Quindi se non stai attento arrivi dopo 1h30 (più o meno) così, cotto di braccia. Non si arrampica mai. Anche nei pochi passaggi di salita si deve ricorrere praticamente sempre al cavo.
    Poi ci sono i due ponti, adrenalinici certo ma non difficili.

    Dopo questi passaggi che sono esposti ma non tecnicamente difficili, così di colpo, te la tira in faccia ?

    C’è una prima deviazione dove puoi salire in verticale su una parete (si arrampica, alcuni tiri di braccia ma si fa) oppure fare “il battito d’ali”: una corda d’acciaio appesa 5mt sopra a cui ti devi fissare l’imbrago, appenderti e dondolare fino a prendere un cavo a sinistra. Io non l’ho fatta non per il dondolare ma perché quando arrivi a sto cavo cominciano 10mt di parete strapiombante tutta di braccia. Ho detto no, l’ho guardata e ho preferito non rischiare.
    Vai avanti ancora un po’ e hai la deviazione ED. O vai dalla salita arrampicabile che a occhio non sembrava complessa (lo spigolo del vento), oppure la variante “estrema”. Mi sono consultato con mio cugino (molto più bravo di me) e ho detto “ma si, che saranno mai due scale, proviamo ???)

    Le due scale elicoidali sono toste perché si muovono (consiglio di salire uno per volta), sono lunghe e soprattutto la seconda è più corta ma ha i pioli di cavo (la prima lì ha di ferro rigido) e quindi più faticosi. Il problema non è lì però. È che dopo quelle due scale ti trovi di fronte 5 metri di muro decisamente esposti, verticali e con pochi appigli, seguiti da un piccolo ponte e poi altri 3-4 metri così. E’ lì la vera ED: è un punto in cui senza braccia non vai su (e sei stanco dopo averle usate per tutta la ferrata e sulle scale) e io sono arrivato al limite delle mie energie.

    La rifarei? Non lo so. Al di là della variante estrema c’è veramente poco o nulla da arrampicare. Sembra spesso esposizione fine a sé stessa. I ponti sono carini ma arrivano alla fine quando un po’ ti sei rotto di andare quasi sempre in orizzontale.
    Fatta ma preferisco altro “tipo” di ferrate.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Andrea Lucchini Huspek
    14/05/2020 alle 17:01

    Ferrata molto scenografica da cui si goda una vista di tutta la valle sottostante, non presenta eccessive difficoltà tecniche (eccetto forse un paio di passaggi in cui si disarrampica) anche se è necessario prendere in considerazione la costante esposizione della via. Durante l’estate è abbastanza frequentata ma con ampie cengie che permettono di passare eventuali gruppi più lenti.

    La via presenta due varianti molto divertenti anche se decisamente impegnative che ne aumentano la difficoltà (un pendolo dopo la metà del percorso ed una scala a chiocciola alla fine), evitandole direi che il grado “moderatamente difficile” risulta abbastanza appropriato.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • sara.sambrizzi
    07/04/2020 alle 11:56

    Ferrata senza particolari difficoltà, un po’ affollata. Quando l’ho percorsa, erano con me un paio di persone che affrontavano una via ferrata per la prima volta e non hanno avuto particolari difficoltà. Da fare con tempo favorevole poiché è molto esposta e può diventare scivolosa

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • assowt
    22/09/2019 alle 23:07

    Inizierei con una premessa, la società che gestisce il comprensorio ha saputo valorizzare in modo ottimale ciò di cui disponeva, ottima l’attrezzatura, ottima la posa della stessa di conseguenza ottima la sicurezza. La ferrata in se invece non mi ha entusiasmato. Tanta discesa molti traversi, carini il pendolo e i due ponti, purtroppo l’unica vera parete su cui si possa arrampicare può essere evitata con una scala. Una gran scala però tanto di cappello a chi l’ha ideata.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Vincenzo
    26/08/2019 alle 08:11

    Via ferrata molto affollata. Ferrata moderatamente difficile ed esposta. Bello il panorama sottostante.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • tommy.76
    24/04/2019 alle 11:30

    La ferrata è particolare anche se a me sembra più un parco giochi….troppa gente e code….ideale per chi vuol imparare perché ci sono tratti in discesa traversi pareti verticali e ponti un assaggio di tutto un po’

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Alessandro Iotti
    19/08/2018 alle 19:29

    Per me è una ferrata anomala come sviluppo. Lungo tratto di discesa, traversi, cenge fino a questo singolare ponte ad elica. A me personalmente piacciono ferrate verticali, arrampicabili che seguono una linea logica di salita. Ottimamente attrezzata. Non penso che la rifarò.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

Lascia una recensione