• cammo75
    14/09/2021 alle 07:54

    Percorsa il 12 settembre 2021 con bel tempo partendo dal rifugio Berti; l’avvicinamento è piuttosto lungo ma non eccessivo, la ferrata fino alla vetta si sviluppa praticamente tutta in verticale all’interno di una gola facendo guadagnare velocemente dislivello; non ci sono tratti particolarmente impegnativi e la verticalità è tutta in appoggio quindi non ci sono tratti esposti. Un particolare che non ho per niente apprezzato (ma è opinione personale) è che prima dell’ultimo pezzo attrezzato che conduce alla vetta c’è da percorrere un lungo tratto su sentiero largo circa un metro non attrezzato. Arrivati in vetta alla Croda Rossa si è ripagati del lungo tragitto dal panorama unico sulle Dolomiti di Sesto.
    Si prosegue poi in una impegnativa ferrata in discesa (disarrampicata) che impone passo fermo e deciso e trazione sulla fune che conduce all’attraversamento di un piccolo nevaio per, poi, riagganciare i moschettoni per un’ultima aerea cengia attrezzata.
    Terminata la ferrata, per chiudere l’anello, è necessario percorrere un lungo canalone morenico dove la ghiaia mette a dura prova le gambe.
    Consigliata per il panorama che si può ammirare dalla vetta.

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

  • Filippo Rosi
    14/04/2019 alle 13:07

    Lunga escursione e ferrata dura. Forse la più dura delle Dolomiti di Sesto. Un paio di tratti sono fisici e non lasciano molto spazio ai tentennamenti. Giunti in cima si viene però ripagati con una vista tra le più belle che si hanno…

    Quanto ti è piaciuta la ferrata:

    Quanto ti è piaciuta l'escursione:

    Difficoltà della ferrata:

    Impegno fisico dell'escursione:

Lascia una recensione